Desirée Grancagnolo

Marine Biologist & Scuba instructor

Ho trascorso i primi anni della mia vita ad Aci Trezza, un piccolo villaggio di pescatori nella zona di Catania sul Mar Ionio. Ricordo l'attrazione per l'odore salato e i basalti colonnari dei faraglioni che emergono dalla superficie del mare. Con la vecchia maschera mares di mio padre sul mio viso, ho cercato di raggiungerli osservando il fondale marino dall'alto. Ho trascorso l'estate dei miei 11 anni sull'isola di Favignana, scoprendo la libertà di una vita lontano dalla città e a contatto con l'acqua, la strada che ho percorso di più è stata quella che mi ha portato alla spiaggia della città dove ho osservato e ho cercato di capire la vita di tutte quelle "lumache" che popolavano la costa. Le mie apnee non sono mai durate abbastanza a lungo e così mio padre ha incontrato Sara, biologa marina, istruttrice di immersioni e globetrotter. Con lei ho indossato una muta per la prima volta, ho portato un serbatoio più grande e più pesante di me sulla schiena e ho respirato l'aria da un regolatore a una profondità di 5 metri. Avevo capito che come osservatrice desideravo una porzione di mare più esclusiva della superficie, volevo esplorare il fondale marino. Ho deciso di iscrivermi all'Università di Palermo al corso di laurea in scienze naturali e ambientali, e dopo aver conseguito il titolo con 110 e lode ho iniziato la mia carriera come guida e istruttrice di immersioni sull'isola di Tenerife. La chiamata del Mediterraneo era troppo forte e quindi ho deciso di tornare a un appuntamento rimandato troppo a lungo: le Isole Egadi. La mia avventura professionale di due anni è iniziata a Marettimo, sulla Martina. Il passaggio è decisivo, non sono più un osservatore, vivendo su una barca divento un componente del mare. Oggi studio biologia marina a Palermo e vivo nella mia barca a vela, alla fine in tutto quel tempo osservando "lumache" ho imparato anche a costruire il mio guscio.

2019 © LIBRA - lifebeyondthecamera

 |

  • Bianco Instagram Icona
  • w-facebook